LA “TOSCA” DEI GIOVANI

Tosca

IL TEATRO LIRICO SPERIMENTALE METTE IN SCENA AL TEATRO NUOVO DI SPOLETO IL CAPOLAVORO PUCCINIANO DAL 27 AL 29 SETTEMBRE
CON I VINCITORI DELLE ULTIME EDIZIONI DEL CONCORSO EUROPEO PER VOCI LIRICHE.
Le scene saranno dello storico allestimento
di Nicola Benois.
Direttore: Carlo Palleschi
Regia: Lucio Gabriele Dolcini

DOPO LE RECITE A SPOLETO, “TOSCA” SARÀ PRESENTATA
NELLE MAGGIORI CITTÀ DELL’UMBRIA PER LA STAGIONE LIRICA REGIONALE
FINO AL 6 OTTOBRE

Spoleto, 23 settembre. Tosca nel segno dei giovani. Il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli”, dopo il successo riportato dalle critiche nazionali dagli spettacoli scelti per la Stagione 2013, continua il suo programma mettendo in scena “Tosca” al Teatro Nuovo di Spoleto Venerdì 27 e Sabato 28 settembre ore 20.30 e Domenica 29 settembre ore 17.00 (con repliche nelle maggiori città umbre fino al 6 ottobre).
Ancora una volta, per vocazione, lo Sperimentale affida i ruoli dei protagonisti di opere di repertorio ai cantanti vincitori del Concorso Europeo di Spoleto. Quest’anno il titolo prescelto per far emergere le capacità vocali dei giovani interpreti è il capolavoro di Giacomo Puccini, pieno di arie, romanze e momenti celebri come “Recondita armonia”, “Vissi d’arte”, “E lucevan le stelle”, con cui si sono misurati i più grandi cantanti, dalla Callas alla Caballé, dalla Tebaldi alla Gheorghiu e, tra i tenori, Del Monaco, Pavarotti, Domingo, solo per fare qualche nome. E moltissime sono anche le stelle della lirica lanciate negli anni dallo Sperimentale di Spoleto: Franco Corelli, Anna Moffo, Ruggero Raimondi, Leo Nucci, Lucia Aliberti, Mariella Devia, Sonia Ganassi, Maria Agresta…

Due i cast che si alterneranno durante le recite di “Tosca”. Nel ruolo dell’eroina pucciniana vedremo alternarsi la bellunese Chiara Isotton, nuovo astro della lirica, vincitrice del Concorso Europeo 2013 (e appena selezionata anche dall’Accademia di Canto del Teatro alla Scala), e la piemontese Anna Maria Carbonera, vincitrice nel 2011 e già avviata a una brillante carriera.
Nel ruolo di Cavaradossi canteranno Giuseppe Distefano (vincitore 2012), Paolo Lardizzone mentre il barone Scarpia sarà interpretato da Valdis Jansons e Daniele Massimi. Il cast include ancora Davide Giangregorio (vincitore 2013), Marco Rencinai e Jacopo Bianchini (vincitori 2012), Edoardo Milletti, Massimiliano Mandozzi.

E dopo tante edizioni sopra le righe viste nei nostri teatri, con questa “Tosca” si torna una volta tanto alla tradizione, anzi alla più alta delle tradizioni a cominciare dal recupero delle scene di Nicola Benois, uno dei grandi padri della scenografia che ricoprì il ruolo di Direttore degli Allestimenti al Teatro alla Scala di Milano fino al 1970.
L’opera avrà la direzione musicale di Carlo Palleschi, un nome di riferimento al quale si affida lo Sperimentale per il grande repertorio lirico, alla guida dell’Orchestra del Teatro Lirico Sperimentale, affiancata da Coro e Coro di Voci Bianche anch’essi del Teatro Lirico Sperimentale diretti rispettivamente da Francesco Massimi e Mauro Presazzi.
La regia, rispettosissima del libretto e della partitura, si avvale della mano esperta di Lucio Gabriele Dolcini, che così commenta il capolavoro pucciniano: “Tosca è forse l’opera con la trama più movimentata dal punto di vista drammatico: di sei personaggi principali ne muoiono quattro due dei quali suicidi, e due assassinati, uno pugnalato e l’altro fucilato; inoltre si assiste ad una tortura e ad un tentativo di stupro! Tutto ciò è provocato e mosso da passioni intense, a tratti violente, passioni amorose, passioni politiche, passioni erotiche. Puccini, da autore morbosamente passionale qual era, ha trovato in un simile materiale drammatico uno stimolo straordinario affinché la sua potente vena creativa facesse scaturire una composizione musicale ricca di contrasti, articolatissima e molto intensa dal punto di vista emotivo. In questo modo il musicista è riuscito ad esaltare in maniera formidabile le potenzialità espressive del testo e a donare al carattere di ogni personaggio un profilo interiore tratteggiato con la sottigliezza che soltanto la musica che diventa parola scenica può rendere in maniera così profonda”.
Popolarissimi, infine, i prezzi dei biglietti, che vanno da 35,00 Euro (Poltronissime) a 15,00 Euro (Galleria).

Dopo le rappresentazioni a Spoleto, per la Stagione Lirica Regionale 2013 “Tosca” toccherà le principali città dell’Umbria con il seguente calendario:

PERUGIA, Teatro Morlacchi, Lunedì 30 settembre ore 20.30 e Martedì 1° ottobre ore 20.30;
ASSISI, Teatro Lyrick, Mercoledì 2 ottobre ore 20.30;
CITTÀ DI CASTELLO, Teatro degli Illuminati, Giovedì 3 ottobre ore 20.30;
TODI, Teatro Comunale, Venerdì 4 ottobre ore 20.30;
ORVIETO, Teatro Mancinelli, Domenica 6 ottobre ore 17.00

Biglietti Spoleto:
Poltronissima € 35,00
Platea, posto in palco di platea e di 1° ordine € 30,00
Palco di 2° ordine € 25,00
Palco di 3° ordine € 20,00
Galleria € 15,00
Vendita Biglietti Stagione Lirica a Spoleto e in Umbria
Ticket Italia Tel. 0743.222889 www.ticketitalia.com
Box 25 Piazza della Vittoria, 25 – Spoleto Tel. 0743.47967

Con “Lieder & Lieder 8” continua la 67ma Stagione del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A.Belli”

Goethe

Spoleto, 24 settembre. Il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli” continua la programmazione della Stagione 2013 con il concerto liederistico, intitolato “Lieder & Lieder 8” Intorno al Lied romantico su testi di Goethe a cura di Michelangelo Zurletti e Giorgio Bongiovanni. In programma brani del repertorio liederistico di Schubert, Schumann, Brahms e Wolf. Lo spettacolo quest’anno interamente incentrato su Goethe, andrà in scena nella Sala Conferenze al piano terra del Teatro di San Nicolò mercoledì 25 settembre alle ore 21.00 e si conferma altro appuntamento imperdibile del calendario musicale dell’Istituzione lirica umbra.
A dar voce ai meravigliosi lieder come sempre i giovani protagonisti vincitori del Concorso Europeo di Canto, mentre le letture saranno affidate a Giorgio Bongiovanni, reduce dal successo di “Grilletta e Porsugnacco”.
Come sottolineato dalle note di Michelangelo Zurletti Direttore Artistico dello Sperimentale: “Lo Schubert adolescente che aveva spedito a Goethe le sue due opere prime, due Lieder su poesie, appunto, di Goethe non avrebbe immaginato che quei suoi due lavori, Erlkönig e Gretchen am Spinnrade sarebbero diventati due capolavori non solo del repertorio liederistico ma di tutta la storia della musica (o forse lo immaginava, lo sperava, come può immaginarlo un adolescente innamorato della sua arte). Ma il pacco non giunse a Goethe, giunse a Zelter, consulente musicale del poeta, e Zelter non ebbe molti scrupoli di fronte a un involto spedito da un adolescente, lo ignorò. Zelter non era cattivo musicista ma aveva un orecchio facilmente orientabile sulle celebrità già acquisite. Da qui muove il nostro annuale Liederabend e poichè accanto a un poeta come Goethe non si possono ammettere minori si è pensato di organizzare l’intera manifestazione nel nome di Goethe e di fornire così all’ascoltatore un percorso solo, da delibare fino in fondo. Perché non c’è dubbio: i musicisti possono essere diversi ma l’ammirazione per il grande poeta è una sola”.
La Stagione Lirica e le attività del Teatro Lirico Sperimentale sono rese possibili grazie al sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Spettacolo dal Vivo, Regione Umbria, Provincia di Perugia e Comune di Spoleto e grazie anche al contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto, Banca Popolare di Spoleto, Casse di Risparmio dell’Umbria, Camera di Commercio di Perugia, Fondazione Francesca, Valentina e Luigi Antonini.
Si ringraziano per la collaborazione anche Segni Barocchi Festival di Foligno, Festival delle Nazioni di Città di Castello, i Comuni di Perugia, Assisi, Città di Castello, Todi, Orvieto, Foligno, l’Associazione “Amici della Lirica di Perugia”, VUS Valle Umbra Servizi SpA, Coop Centro Italia, Monini SpA.
Presidente Carlo Belli, Vice Presidente Maria Chiara Rossi Profili
Direttore Generale Claudio Lepore, Direttore Artistico Michelangelo Zurletti

Spoleto 56: “Martini: il Cardinale e gli altri” in scena al Piccolo Teatro di Milano dal 25 settembre al 6 ottobre 2013.

image003

Dopo l’atteso debutto alla 56esima edizione del Festival dei 2Mondi di Spoleto, domani 25 settembre, approda allo studio Melato del Piccolo Teatro di Milano lo spettacolo “Martini: il Cardinale e gli altri” di Marco Garzonio, con adattamento, drammaturgia e regia di Felice Cappa e con Giovanni Crippa e Lucilla Giagnoni. Lo spettacolo, nato da un progetto di Spoleto56 Festival dei 2Mondi e Fondazione Corriere della Sera e prodotto da CRT Milano, racconta attraverso le parole, le immagini e i luoghi di Martini, come il Cardinale abbia fatto il vescovo a Milano, come abbia assunto il ruolo di profeta dei nostri giorni e risposto alle domande del contesto culturale e sociale sulle questioni più scottanti

La VI edizione del Teatro lo Spazio

Teatro Lo Spazio
Via Locri 42/44,
(traversa di Via Sannio, a 100 metri da Metro S. Giovanni)
Roma

Sesto anno di programmazione del Teatro Lo Spazio, luogo alternativo alle classiche sale teatrali nato dal desiderio di Alberto Bassetti e Francesco Verdinelli di socializzare e far socializzare fra di loro artisti provenienti da diverse discipline, creando uno stile e un modo nuovo di vivere lo spettacolo dal vivo a Roma.
Luogo polifunzionale che ha ospitato corti, piéces, concerti e set cinematografici, Lo Spazio è stato recentemente rinnovato nella sua interezza si appresta ora ad iniziare la sua ricca stagione – tra i nomi di punta Roberto Herlitzka, Enzo Iacchetti, Paolo Triestino, Paolo Graziosi, Ulderico Pesce e Juan Diego Puerta Lopez – esibendo il cartellone completo in sede di conferenza stampa mercoledì 25 settembre alle ore 19, alla presenza dei due direttori artistici, degli attori menzionati e delle compagnie. Un incontro riservato alla stampa e addetti al settore che si svilupperà intorno al luogo scenico tout court, agli spazi del bar-bistrot ed al cortile esterno, inteso a generare un’atmosfera assolutamente conviviale che sicuramente ritroverà il pubblico romano assistendo ai nuovissimi spettacoli in programma

 

foto lo spazio

 

ADRIANA PIGNATARO : STRAPPI DI LUCE

Il Centro Culturale Poli d’Arte ( Via Duomo 27, Piazza Signoria in Spoleto) sabato 21 settembre 2013 alle ore 17,00 inaugura la mostra personale di Adriana Pignataro, intitolata “ Strappi di luce”. Nelle opere di Adriana Pignataro, che lavora tanto con la carta quanto con il plexiglass e gli specchi, la storia s’illumina di spiritualità alla luce di una dinamica orientata. E’ proprio la luce a evidenziare il tacito codice che la storia scrive sulle carte, raccolte e installate per la memoria degli eventi avvenuti. Il nero e l’oro sono gli opposti che vanno a colloquiare con i bianchi, gli azzurri , i grigi sfumati, il rosso e il marrone. Altamente simbolici anche i formati delle tele, che in genere sono il quadrato e il rettangolo verticale. L’occhio è quindi invitato a cercare tra le stratificazioni della storia varchi di luce. La mostra, iniziata il 14 settembre, termina il 6 ottobre 2013 ; è promossa da Maria Letizia Cassata e verrà presentata dal noto critico Giorgio Bonomi.

Pignataro

CENTRO CULTURALE POLI D’ARTE , SABATO 21 SETTEMBRE H. 17,00, 2013

Sandro Costanzi

56° Festival dei 2 Mondi di Spoleto in onda su Radio 3 Giovedì 12 settembre 2013 all’1:40

image003

Una puntata dedicata alla 56ª edizione del Festival dei 2 Mondi di Spoleto, documentandone la vasta proposta multidisciplinare: concerti, opera lirica, danza e teatro in un racconto attraverso i suoni, le immagini e le testimonianze dei protagonisti.

Fondato nel 1958 da Gian Carlo Menotti con l’intento di creare un terreno d’incontro tra il mondo artistico europeo e quello americano, il Festival di Spoleto ha sempre rappresentato la propria unicità celebrando le arti in tutte le loro forme. Gli spettacoli, che trovano ospitalità in scenari suggestivi come il Teatro Romano, il Teatro Caio Melisso recentemente restaurato, il Chiostro di San Nicolò, Piazza Duomo rendono il Festival uno dei più importanti eventi culturali anche per l’originalità della proposta.

L’opera buffa Croquefer & Tulipatan di Offenbach, la danza del L.A. Dance Project, il teatro di Luca Ronconi con Pornografia, Paradiso Paradiso la vita in musica di San Filippo Neri di Mons. Frisina con la voce recitante di Giorgio Albertazzi e il concerto finale diretto dal Maestro James Conlon sono alcuni degli eventi raccontati nel documentario.

La regia è di Mia Santanera – See more at: http://www.lamusicadirai3.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-da2c9039-8dfa-4e15-b9b4-84eef2d88eb3.html#sthash.MCT91hxX.OUlwdIsu.dpuf

 

Claudio Perri: tempio della sapienza

VITTORIALE DEGLI ITALIANI
Gardone Riviera (BS)

Il Presidente Giordano Bruno Guerri presenterà l’opera “Tempio della Sapienza – L’allegoria dell’Autunno” dello scutore Claudio Perri, ricavata dai volumi dell’Edizione Nazionale delle Opere di Gabriele d’Annunzio.

L’opera farà parte della collezione del Vittoriale.

Domenica 8 Settemre, ore 17

 

TEMPIO DELLA SAPIENZA    VI

Il Papa al G20: no all’inutile massacro

Pubblichiamo il testo integrale della missiva che il Santo Padre Francesco ha inviato al Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, in occasione del Vertice del G20 di San Pietroburgo.

 

.Papa Francesco

 

A Sua Eccellenza
Il Sig. Vladimir PUTIN
Presidente della Federazione Russa

Nell’anno in corso, Ella ha l’onore e la responsabilità di presiedere il Gruppo delle venti più grandi economie mondiali. Sono consapevole che la Federazione Russa ha partecipato a tale Gruppo sin dalla sua creazione e ha svolto sempre un ruolo positivo nella promozione della governabilità delle finanze mondiali, profondamente colpite dalla crisi iniziata nel 2008.

Il contesto attuale, altamente interdipendente, esige una cornice finanziaria mondiale, con proprie regole giuste e chiare, per conseguire un mondo più equo e solidale, in cui sia possibile sconfiggere la fame, offrire a tutti un lavoro degno, un’abitazione decorosa e la necessaria assistenza sanitaria.
La Sua presidenza del G20 per l’anno in corso ha assunto l’impegno di consolidare la riforma delle organizzazioni finanziarie internazionali e di arrivare ad un consenso sugli standard finanziari adatti alle circostanze odierne.
Ciononostante, l’economia mondiale potrà svilupparsi realmente nella misura in cui sarà in grado di consentire una vita degna a tutti gli esseri umani, dai più anziani ai bambini ancora nel grembo materno, non solo ai cittadini dei Paesi membri del G20, ma ad ogni abitante della Terra, persino a coloro che si trovano nelle situazioni sociali più difficili o nei luoghi più sperduti.

In quest’ottica, appare chiaro che nella vita dei popoli i conflitti armati costituiscono sempre la deliberata negazione di ogni possibile concordia internazionale, creando divisioni profonde e laceranti ferite che richiedono molti anni per rimarginarsi. Le guerre costituiscono il rifiuto pratico a impegnarsi per raggiungere quelle grandi mete economiche e sociali che la comunità internazionale si è data, quali sono, per esempio, i Millennium Development Goals. Purtroppo, i molti conflitti armati che ancora oggi affliggono il mondo ci presentano, ogni giorno, una drammatica immagine di miseria, fame, malattie e morte. Infatti, senza pace non c’è alcun tipo di sviluppo economico. La violenza non porta mai alla pace condizione necessaria per tale sviluppo.

L’incontro dei Capi di Stato e di Governo delle venti maggiori economie, che rappresentano due terzi della popolazione e il 90% del PIL mondiale, non ha la sicurezza internazionale come suo scopo principale. Tuttavia, non potrà far a meno di riflettere sulla situazione in Medio Oriente e in particolare in Siria. Purtroppo, duole costatare che troppi interessi di parte hanno prevalso da quando è iniziato il conflitto siriano, impedendo di trovare una soluzione che evitasse l’inutile massacro a cui stiamo assistendo.

I leader degli Stati del G20 non rimangano inerti di fronte ai drammi che vive già da troppo tempo la cara popolazione siriana e che rischiano di portare nuove sofferenze ad una regione tanto provata e bisognosa di pace. A tutti loro, e a ciascuno di loro, rivolgo un sentito appello perché aiutino a trovare vie per superare le diverse contrapposizioni e abbandonino ogni vana pretesa di una soluzione militare.

Ci sia, piuttosto, un nuovo impegno a perseguire, con coraggio e determinazione, una soluzione pacifica attraverso il dialogo e il negoziato tra le parti interessate con il sostegno concorde della comunità internazionale. Inoltre, è un dovere morale di tutti i Governi del mondo favorire ogni iniziativa volta a promuovere l’assistenza umanitaria a coloro che soffrono a causa del conflitto dentro e fuori dal Paese.

Signor Presidente, sperando che queste riflessioni possano costituire un valido contributo spirituale al vostro incontro, prego per un esito fruttuoso dei lavori del G20. Invoco abbondanti benedizioni sul Vertice di San Pietroburgo, su tutti i partecipanti, sui cittadini di tutti gli Stati membri e su tutte le attività e gli impegni della Presidenza Russa del G20 nell’anno 2013.

Nel chiederLe di pregare per me, profitto dell’opportunità per esprimere, Signor Presidente, i miei più alti sentimenti di stima.

Dal Vaticano, 4 settembre 2013

FRANCESCO

PLANETE TERRE de GABRIELLA GIURIATO

Al suo debutto nel Principato di Monaco, sotto l’egida del Comitato Nazionale Monegasco dell’A.I.A.P. – U.N.E.S.C.O., di cui è membro, Gabriella Giuriato si presenta con una significativa scelta di opere degli ultimi anni, a cui si aggiungono quattro lavori inediti. Il “Pianeta Terra”, che da’ il titolo alla mostra, è al centro dell’interesse dell’artista veneziana, “pittoscultrice, collagista, grafico”, ben conosciuta per il suo “Mondo di Sfere”. La forma sferica, carica di suggestioni e simbologie, è stata sin dall’inizio protagonista di sculture lignee o in cartapesta, lavorate nelle tecnica del collage, ma anche sottoposte a tagli, interventi materici, inserimenti di materiali legati alla contemporaneità, quali frammenti di CD o luci. Sulle sfere, come nelle opere pittoriche e grafiche, spesso svettano grattacieli, segni distintivi delle città del XXI secolo e, dunque, moderni emblemi del nostro pianeta. Ne sono un esempio le tre nuove opere, “Torri”, “Sottosoprasotto”, “Prua”, presentate a Monaco, insieme alla candida sfera “Pianeta terra”, a sfere ormai classiche, quali “Il Crollo e la Ricostruzione”, “Che pianeta sarà” del 2006, “Mani sul Mondo” (2007). La ricerca dell’artista si è anche rivolta ad interessanti sperimentazioni nel campo della grafica eseguendo monotipo come “Towers” e “Twin Towers” (2011).

LOCANDINA006-OUT.ai

Al vernissage della mostra che si terrà, Martedì 1 ottobre alle ore 18,30, si potrà degustare il Sauvignon Segrè Doc Collio, gentilmente offerto dalla Cantina Castello di Spessa di Capriva del Friuli.
Sarà presente l’artista

Comité Nationale Monégasque de l’Association Internationale des Arts Plastiques auprès de l’U.N.E.S.C.O.
Espace d’Art – 10, Quai Antoine 1-er . (1 piano), Port de Monaco, Principato di Monaco
Tel. +377 97 70 26 72
1 -11 ottobre 2013
Orario: lunedì-venerdì 16,30-19,30

Catalogo in Galleria